Sistemi di evacuazione naturale di fumo e calore

Ariston Group – Evacuazione naturale di fumo e calore

Cliente: Ariston Thermo Group
Sede: Stabilimento di Rovereto (TN)
Tipologia di intervento: Lo scopo era quell di adeguare gli stabilimenti produttivi alla normativa antincendio UNI 9494:2007 e alla normativa estrazione fumi.
Descrizione: Ariston Thermo Group è il nuovo nome di MTS Group, azienda internazionale leader nel settore del riscaldamento degli ambienti e dell’acqua. Nello stabilimento di Rovereto (TN) vengono prodotti i bollitori commercializzati in Italia. Nel 2009 Ariston Thermo Group contatta Bovema Italia per adeguare gli stabilimenti produttivi di Rovereto (TN) con un impianto di aerazione ed estrazione di fumo e calore secondo la normativa antincendio UNI 9494:2007 e la normativa estrazione fumi.

I capannoni oggetto di adeguamento sono due:

  • capannone San Paolo di 10.000 mq, che presenta un tetto ardesiato piano, su cui erano già posizionati diversi camini di aspirazione per le macchine e i forni del reparto produttivo;
  • capannone San Pietro di 3.500 mq con copertura a shed per una parte e per la restante con copertura a doppia falda con manto ardesiato e parte lamiere grecate.

 

Prima fase: installazione dell’impianto di Evacuazione di fumo e calore

ENFC a lamelle ognitempo.1

Bovema propone perciò ai tecnici di Ariston di installare sul capannone San Paolo un sistema di evacuazione di fumo e calore TMS – DR, un prodotto che si rivelerà poi perfetto per il comfort generato nell’ambiente sottostante. Nel capannone San Pietro, a causa della tipologia di copertura, si preferisce invece procedere con l’installazione di 2 torrini di aspirazione.

Ogni TMS – DR è progettato e collaudato in conformità con i diversi standard nazionali ed europei. Gli ENFC sono in alluminio di alta qualità, un materiale leggero e resistente alla corrosione e alle intemperie come pioggia, vento e neve, e richiedono perciò una manutenzione limitata. Possono essere azionati da attuatori elettrici o pneumatici. Dato il numero di impianti installati, 44, la scelta per Ariston Thermo Group è ricaduta sul modello pneumatico: l’impianto remoto garantisce la richiusura degli evacuatori dal basso, senza intervento manuale sul singolo sistema in caso di falso allarme e prove.

L’evacuatore fumo e calore a lamelle TMS-DR scarica all’esterno del capannone grandi quantità di fumi e gas caldi, risultando la soluzione perfetta per la prevenzione incendi in ogni condizione. “Nel capannone San Paolo la temperatura raggiungeva naturalmente i 70 °C”, conclude Simone Resta. “Abbiamo perciò optato, d’accordo con Ariston, per ritarare l’ampolla  termosensibile che permette l’apertura automatica del singolo ENFC, generalmente regolato a 68 °C, sui 93 °C per evitare falsi allarmi”.

I vantaggi procurati dalla scelta di installare i TMS – DR non si limitano dunque all’estrazione calore e alla rispondenza alla normativa. I risultati più sorprendenti, utilizzando il sistema per la ventilazione giornaliera, sono la diminuzione della temperatura dell’ambiente, e la nuova fonte di luce naturale, che hanno determinato un miglioramento oggettivo delle condizioni lavorative.

Seconda fase: installazione delle barriere al fumo

???????????????????????????????

Ad agosto 2010 Bovema, che nel servizio al cliente comprende anche il settore posa, procede con la seconda fase dell’impianto, la fornitura e la posa delle barriere antifumo. Nel capannone San Paolo vengono posizionate tre barriere antifumo da 50 m X 2.20 m. Per la messa in opera i tecnici installatori di Bovema hanno compartimentato, trabattelato e chiuso con reti la zona di lavorazione (inserire piantina). La posa si è rivelata semplice e veloce.

La criticità maggiore è stata incontrata nel capannone San Pietro dove viene posizionata un’unica barriera al fumo di 40 m. X 1.90 m a metà del capannone. L’ambiente è, infatti, occupato interamente da catene di montaggio: per procedere è stato perciò necessario realizzare dei ponteggi speciali al di sopra delle travi che sostengono gli impianti di produzione. Sul ponteggio è stato sistemato un impianto di assi su cui ha poggiato il trabattello, punto di appoggio per la messa in opera.

Le barriere installate in Ariston sono antifumo e fisse e garantiscono una resistenza di 60 minuti.